Azzorre, vivere uno stile di vita atlantico

Nelle Azzorre si vive circondati dal vasto Oceano Atlantico. Le Azzorre sono state colonizzate per la prima volta nel XV secolo e oggi la gente vive ancora attaccata alle sue vecchie radici. Questo paradiso atlantico ha una popolazione di meno di un quarto di milione di abitanti, distribuiti su 9 isole.

Le temperature medie oscillano tra i 13-22° C, con l’umidità che contribuisce a renderle più calde. Sperimenterete uno stile di vita tropicale atlantico totale. L’arcipelago delle Azzorre è diviso in 3 gruppi. Il più grande è il Gruppo Centrale (Grupo Central) con cinque isole, Faial e Pico, insieme a Terceira, São Jorge e Graciosa.

I gruppi sono sparsi su una vasta area, quindi, mentre si può prendere un traghetto passeggeri tra le isole all’interno del gruppo, si deve altrimenti volare, utilizzando gli aerei inter-isola della SATA.

Per coloro che sono attratti a vivere in un’isola atlantica e in uno stile di vita più lento, che godono di giardini lussureggianti e viste squisite, l’acquisto di proprietà nelle Azzorre deve essere di primaria considerazione.

La tipica vista che si ha dalle isole

Faial (The Blue Island – per la proliferazione di ortensie blu che coprono l’isola) in particolare ha tutti gli attributi della maggior parte delle altre isole delle Azzorre. La gente vive con un superbo mix di tranquillità rurale e la grande città di Horta facilmente raggiungibile da qualsiasi parte dell’isola. Il porto di Horta è una tappa importante per gli yacht che navigano nell’Atlantico, con più di 1.000 barche in visita all’anno, più molte barche locali e yacht ormeggiati nei due moderni porti turistici. Questo è il vero stile di vita atlantico.

Peter Cafe Sport
Peter's Cafe Bar a Horta, Faial

Un paradiso da scoprire

Per gli escursionisti, le isole sono un vero e proprio paradiso – si può vagare per le numerose piste e sentieri a volontà, o seguire i sentieri segnati. Le passeggiate più popolari sono il bordo del cratere, che offre una vista completa a 360º di Faial mentre si cammina e il sito di eruzione di Capelinhos, il drammatico paesaggio lunare che ha prodotto un nuovo pezzo di Faial nel 1957.

Un’altra passeggiata meno conosciuta è la lavada, che è un corso d’acqua artificiale, in alto sul lato del cratere, utilizzato per incanalare l’acqua verso i pascoli. Si cammina, alternativamente, attraverso la foresta e il campo, rendendo questa una rara, nascosta delizia.

Un breve tragitto in traghetto ti porta all’isola di Pico e al suo picco vulcanico alto 2351 metri.

La salita, che inizia a 1200 metri, offre una vista magnifica su tutte le isole del gruppo centrale: Faial, São Jorge, Graciosa e Terceira. È possibile accamparsi nel cratere per la notte e l’alba vista dalla cima del picco è una vista spettacolare e indimenticabile.

Si può facilmente scalare in un giorno e, dato che ci sono molti traghetti, si potrebbe anche cenare a Madalena prima di tornare a Faial. Ora è obbligatorio impiegare una guida, per proteggere voi stessi e la riserva naturale della montagna

La natura e la vita marittima sono le attrazioni principali delle isole; i viaggi di osservazione delle balene e dei delfini hanno sostituito l’industria baleniera tradizionale come un modo per vivere del mare. Le barche lasciano la marina ogni giorno per l’osservazione delle balene, il nuoto con i delfini, la pesca sportiva, la pesca con la lenza, le immersioni e la vela, o si può semplicemente fare una crociera lungo la nostra costa panoramica.

A Faial e Pico, ci sono una serie di eccellenti hotel e B&B, molti dei quali operano tutto l’anno. Ci sono anche molte opportunità di self catering disponibili

LE ISOLE

Faial

L’isola di Faial si trova nel gruppo centrale delle Azzorre in mezzo all’oceano Atlantico a circa 1600 chilometri a ovest della terraferma portoghese. La strada circolare intorno all’isola è di 54 chilometri. La popolazione è di circa 15.000 persone, la metà delle quali vive nella città principale di Horta. Ci sono molti cittadini europei che vivono a Faial, tra cui inglesi, tedeschi, svizzeri, belgi, francesi e olandesi, oltre a cittadini sudafricani, canadesi e statunitensi. La seconda lingua è l’inglese ed è ampiamente parlata.

Ci sono voli giornalieri SATA da e per Lisbona e voli SATA tra tutte le altre isole. Le strutture disponibili a Faial sono migliorate notevolmente da quando il Portogallo ha aderito all’UE e la maggior parte delle necessità quotidiane sono facilmente disponibili tramite supermercati, un mercato di alimenti freschi e una vasta selezione di negozi specializzati.

Le attrazioni turistiche di Faial includono paesaggi mozzafiato, una caldeira (cratere) una grande varietà di percorsi a piedi, spiagge e spiagge di sabbia nera e luoghi di balneazione in vari punti. La vita vegetale è molto varia e prolifica e nei mesi estivi le ortensie blu abbondano nelle siepi di tutta l’isola (Faial è anche conosciuta come Ilha Azul). C’è un cinema e un teatro, ristoranti e club e strutture sportive con una piscina comunale coperta. Il porto di Horta è una tappa principale per gli yacht transatlantici e ci sono due porti turistici per barche locali e in visita. L’osservazione delle balene e dei delfini è una delle principali attività estive, oltre alla pesca sportiva. La varietà di specie di balene e delfini visibile in questa parte dell’oceano è la migliore del mondo. I traghetti effettuano viaggi regolari verso le altre isole del gruppo – Faial-Pico è un viaggio di 30 minuti in traghetto. Un viaggio a Velas (São Jorge) ti porterà via circa 2 ore. Durante la stagione estiva un grande catamarano Jet Ferry vi porterà all’isola di Terceira e São Miguel con fermate nelle altre isole dell’arcipelago. Il clima di Faial e delle Azzorre in generale è temperato, con massime estive che raramente superano i 30 gradi. centigradi o minime invernali inferiori a 10 gradi. centigradi.

Pico

L’isola di Pico, chiamata così per la sua imponente montagna, è una delle isole più belle e più sottovalutate delle Azzorre. Seconda solo a S. Miguel per dimensioni, la ‘Mountain Island’ si erge maestosa nel mezzo del gruppo centrale delle Azzorre, a circa 4,5 miglia nautiche dall’isola di Faial e 11 miglia dall’isola di S. Jorge.

La storia dell’isola di Pico è stata costruita sull’eredità delle sue tradizioni di caccia alle balene e di cantina. I famosi vini di Pico e i vigneti designati come patrimonio mondiale dell’UNESCO, così come la costruzione di barche in legno, sono elementi contemporanei di Pico. La caccia alle balene, da tempo scomparsa, ha lasciato il posto a un movimento di studio e osservazione equa di balene, delfini e altri mammiferi marini. Le gite di osservazione delle balene e dei delfini possono essere organizzate da Madalena o Lajes. Le eruzioni vulcaniche sono finite 300 anni fa. Pico è considerato un vulcano dormiente che si aggiunge alla mistica dell’isola e serve da calamita per gli scienziati.

São Jorge

L’isola di Sao Jorge, lunga 60 chilometri, offre alcune delle più belle passeggiate delle Azzorre. L’isola comprende una lunga spina dorsale di vulcani di età diverse; la sua larghezza varia tra i 4 e gli 8 chilometri ed è caratterizzata da ripide scogliere vegetate che si innalzano, a volte quasi 600 metri, a picco sull’oceano circostante. Zone piatte chiamate faja si trovano a volte alla base di queste pareti vegetate, qui si trovano spesso piccoli villaggi o borghi che possono essere raggiunti solo da sentieri molto ripidi e stretti.

La faja è quasi unica a Sao Jorge e molte delle più belle passeggiate riguardano il camminare lungo i vecchi sentieri che erano le principali vie d’accesso alla faja prima che fossero costruite le strade più moderne. Alcune delle faja non sono ancora raggiungibili da una buona strada. I vecchi sentieri sono spesso abbastanza ripidi e passano attraverso uno spettacolare scenario di scogliere, tuttavia la maggior parte sono stati progettati per essere percorribili dai muli che trasportano carichi.

Hai qualche domanda sulle Azzorre?

Compare listings

Confrontare